Home

FONDO INDENNIZZO BANCHE ULTIME

SI COMUNICA CHE GLI UFFICI RIAPRIRANNO AL PUBBLICO DA LUNEDI 18 MAGGIO 2020 -  DAL LUNEDI' AL VENERDI DALLE ORE 10.00 ALLE 16,00 -  IL RICEVIMENTO SARA' SU APPUNTAMENTO CON OBBLIGO DI MASCHERINA E GUANTI -

DAL 18 GIUGNO SARA' APPLICATO L'ORARIO ESTIVO CHE SARA' COMUNICATO

PER QUALUNQUE NECESSITA' CHIAMATE IL 3661612216 O TRASMETTETE RICHIESTE O DOCUMENTI ALlA MAIL :  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 ACCESSO FONDO FIR 30%

Si informa che tutti coloro che non hanno ancora presentato domanda per l’indennizzo del 30 % che il termine è stato prorogato al 18 giugno 2020.

Le richieste saranno dunque accettate fino al 31 maggio per dare modo all’ufficio di espletare l’istruttoria della pratica.

Stante l'obbligo di chiusura dello sportello della ns. sede regionale, L’invio dei documenti potrà essere effettuato via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 previo contatti con il n. 3661612216

NUOVO PROVVEDIMENTO DEL GOVERNO

RINVIO E ANTICIPO DEL 40 %

Nel Decreto mille proroghe emesso dal Governo, legato alla situazione del Covid19, si prevede un anticipo del 40 per cento dell’ indennizzo ai cittadini truffati”.  Con questo provvedimento che Viene definito “Un nuovo passo per i cittadini truffati dalle banche, si è deciso dunque di anticipare il 40 per cento dell’indennizzo ai risparmiatori e i termini per l’invio delle domande valide per ottenerlo è stato spostato al prossimo 18 giugno”. 

In attesa della predisposizione del piano di riparto, del miliardo e mezzo inizialmente stanziato, può essere corrisposto un anticipo nel limite massimo del 40 per cento dell’importo dell’indennizzo deliberato dalla Commissione tecnica a seguito del completamento dell’esame istruttorio. Le modifiche, quindi, consentono di autorizzare un anticipo dell’indennizzo stabilito dall’istruttoria, senza aspettare la definizione del piano di riparto”. 

 Documenti necessari per l’invio della domanda:

  1. documento e codice fiscale avanti retro possibilmente a colori;
  2. dossier titoli 2017 / 2019 -20 che attestano il possesso dei titoli;
  3. estratto soci ultimo (rilasciato dalla banca);
  4. certificazione IBAN della banca dove volete che l’indennizzo sia versato sottoscritto dal titolare;
  5. dichiarazione dei redditi attestante il reddito complessivo ;
  6. eventuale transazione effettuata con l’istituto prima del fallimento;
  7. qualora vi sia stato affrancamento delle azioni – dossier ANTE AFFRANCATURA oppure F24 del pagamento delle imposte da reperire sul cassetto fiscale dell’Agenzia delle Entrate;
  8. mail personale per la registrazione e inserimento della domanda.non esitate a contattarci 3661612216 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AVVISO AI RISPARMIATORI BANCHE

Gentili risparmiatori a seguito dell’incontro con i dirigenti della CONSAP FIR a Padova, sono stati forniti nuove indicazioni sul tipo di documentazione da inserire sulle pratiche che possiedono azioni comprate in regime di affrancatura negli anni pregressi al fallimento. La commissione, nell’assicurare che nessuna domanda sarà rigettata in caso di insufficiente documentazione, ma sarà dato modo di integrare qualunque documento entro 60 gg dalla richiesta via mail,

Si è ricordato anche che per la valutazione della liquidazioni delle azioni AFFRANCATE dovrà essere prodotto assolutamente un documento che attesti il valore antecedentemente l’acquisto (esempio FFRANCATURA 2006 valore 2005) a tal proposito si ricorda che l’AGENZIA DELLE ENTRATE è in grado di produrvi il modello F24 utilizzato per l’acquisto di queste azioni a partire dal 2002 utilizzando il codice fiscale dell’intestatario che potrà essere prodotto a richiesta della commissione. Sito dove richiedere:  https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/servizi/servizitrasversali/altri/cassetto-fiscale  (nel caso chiedete l’assistenza di un CAF)

Fin’ora abbiamo inserito un valore indicato dal dossier 2017 non avendo voi prodotto alcun documento che indichi il dato.

Per quanto sopra si consiglia, oltre a tenere a disposizione l’estratto soci che in questi giorni viene finalmente inviato dalla banca intesa, di procurarsi anche detto documento o comunque una prova che attesti l’acquisto, per evitare l’annullamento della liquidazione dei titoli AFFRANCATI. In mancanza di questo documento i restanti titoli compresi nel dossier NON affrancati,  saranno invece liquidati senza problema. (ricordatevi che avrete 60 gg di tempo dal momento che il FIR vi scriverà…..

Si raccomanda di tenere sempre d’occhio la mail per le eventuali comunicazioni che il FIR inizierà a mandare a partire da febbraio e di rispondere nei termini indicati per evitare il rigetto della domanda o accoglimento parziale della stessa.

Ci dispiace ma se avessimo saputo prima questa imposizione vi avremmo informati per tempo prima di produrre la domanda….

Per quanto riguarda i messaggi allarmistici inviati da una associazione di Vicenza fatti all'incontro al palasport di Bassano lo scorso 10 gennaio, che sarebbero state eliminate 5.000 domande dalla CONSAP, gli ispettori hanno smentito categoricamente questa notizia e si sono riservati di presentare una denuncia querela nei confronti del soggetto che ha diffuse tali notizie assolutamente false e prive di fondamento. Per questo consigliamo di rivolgersi sempre ad una associazione regolarmente riconosciuta per farvi assistere e non a praticoni e /o legali che non hanno mai partecipato ad alcuna attività formativa del decreto indennizzo.

TRUFFA AUDI BASSANO DEL GRAPPA

COMUNICATO

 

SI RICORDERA’ la ormai nota truffa AUDI (autoveicolo venduto ad una quindicina di persone nell’arco di una settimana)  avvenuta lo scorso anno cui protagonisti erano TESSARIOL Marco e LEVACH Janez già rinviati a giudizio al Tribunale di Treviso per detti fatti per aver incassato quasi 150.000 euro dai contratti fasulli. Quasi Tutti fatti  accaduti all’interno dei locali della AMB CITROEN di Bassano del Grappa cui titolare risultava il sig. BERNARDI Manuel.

Il P.M. di Bassano del Grappa dr.sa BRUNINO nel contesto dell’indagine chiedeva l’archiviazione della posizione del BERNARDI Manuel in quanto non sarebbero emerse responsabilita’ a carico del predetto, nonostante le truffe continuate erano avvenute all’interno dei locali della sua auto rivendita e in particolare nello stesso ufficio dove il sig. BERNARDI lavorava.

A seguito della richiesta questa Associazione di consumatori aveva proposto opposizione all’ARCHIVIAZIONE stante la difficile e ambigua situazione  in cui erano avvenuti i fatti denunciati dai consumatori. In data 10 dicembre Il GIP del Tribunale di Vicenza accogliendo l’istanza ha disposto la restituzione degli atti al P.M. e la prosecuzione delle indagini nei confronti del BERNARDI Manuel per approfondire alcuni aspetti peraltro affrontati anche da alcune note trasmissioni televisive.

Siamo fiduciosi che la giustizia faccia il suo corso per arrivare alla verità.

 

 

Altri articoli...

  1. ENERGIA ITALIA SRL